L’Uaar e la sperimentazione animale

vivisezione

Gianluca Albertini segnala il seguente documento diffuso dall’UAAR (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti). Ringraziandolo per la segnalazione, e anche per la sua posizione antispecista e antivivisezionista, pubblichiamo il testo.

Documento approvato dal Comitato di Coordinamento Nazionale UAAR

Secondo lo statuto Uaar, la libertà di ricerca è un “valore”, “sostenere la libertà della ricerca scientifica” uno scopo associativo. Nel manifesto d’intenti si afferma inoltre che l’associazione vuol stare al fianco “di chi quotidianamente difende la ricerca scientifica”. Fondata da un biologo, l’Uaar è da sempre impegnata per la scienza: in particolare ogni 12 febbraio con il Darwin Day, una manifestazione che siamo stati i primi a promuovere su larga scala in Italia.
Siamo a favore della ricerca scientifica: non possiamo quindi che ritenere giustificata la sperimentazione animale, a oggi necessaria per trovare cure adeguate alle malattie che colpiscono gli esseri umani (ma anche gli stessi animali) e per assicurare a tutti loro il diritto alla salute. In tutti i campi in cui agisce, l’Uaar fa riferimento al consenso esistente tra gli esperti di quel campo. Prende pertanto atto, come ricorda il sito di Telethon, che, oggi, “tutti i principali e accreditati istituti di ricerca del mondo ricorrono alla sperimentazione animale. È possibile verificare questa affermazione consultando il database Pubmed delle pubblicazioni scientifiche internazionali”.
Ciò non significa divinizzare la scienza, o cadere in una sorta di scientismo dogmatico. Siamo a conoscenza dei problemi che investono oggi l’impresa scientifica, a partire dalle storture derivanti dalla diffusione del publish-or-perish. Nessun essere umano è infallibile — anzi — e gli scienziati sono anch’essi esseri umani in carne e ossa, inevitabilmente soggetti a errori. Tuttavia, occorre anche riconoscere che la ricerca scientifica, laddove non soggetta a pressioni esterne, è l’unica forma di indagine che contiene al suo interno gli strumenti per correggersi da sé. Le teorie imperfette o sbagliate degli scienziati del passato sono state corrette da altri scienziati sulla base di nuove evidenze scaturite da sempre nuove ricerche. Un ampliamento della libertà di ricerca è pertanto auspicabile, così come l’aumento dei fondi pubblici stanziati per essa: rappresentano la miglior garanzia di indipendenza e imparzialità degli scienziati.
Analoga indipendenza e imparzialità deve essere mostrata da chi presenta e commenta sia i risultati delle ricerche, sia le modalità della ricerca stessa. È indispensabile che la popolazione possa formarsi un’opinione consapevole sulla base di informazioni attendibili: non dovrebbero pertanto essere utilizzate espressioni fuorvianti, sia da una parte, sia dall’altra. In particolare, l’uso della parola “vivisezione” dovrebbe essere limitato al suo significato etimologico, “dissezione di viventi”. È vero che il dizionario Treccani lo estende, in un’accezione subordinata e più ampia, anche alla sperimentazione animale, ma è altrettanto vero che tale termine non è utilizzato in ambito scientifico (tanto che la stessa Treccani, quando tratta di sperimentazione animale, non usa mai la parola “vivisezione”). L’utilizzo di termini univoci, specifici, accurati, semplici e di facile comprensione è di fondamentale importanza in ogni dibattito, a maggior ragione lo è in ambito medico e scientifico.
Per quanto ovvio, ribadiamo pertanto che l’Uaar non è a favore della vivisezione, una pratica “inumana e crudele” abbandonata da decenni, come ricorda l’Associazione italiana per la ricerca contro il cancro. Non è nemmeno a favore della sperimentazione animale “senza se e senza ma”, ed è a favore delle pratiche che riducano le sofferenze degli animali. Per esempio, è da sempre impegnata a denunciare l’eccezione legislativa che, nella macellazione rituale ebraica e islamica, consente di uccidere animali senza preventivo stordimento e senza che la carne sia poi posta in vendita documentando tale origine. Nel contempo, ricorda che le limitazioni poste alla ricerca sulle cellule staminali embrionali non aiutano certo a ridimensionare l’utilizzo della sperimentazione animale.
L’Uaar ritiene preferibile che la sperimentazione animale sia limitata all’indispensabile e che per ridurre il ricorso alla stessa si faccia sempre più ampia ricerca scientifica: auspica che, attraverso il vaglio del metodo scientifico, si valutino alternative che possano portarci, in futuro, a non averne più bisogno. Facciamo dunque nostro il principio delle 3R:

• rimpiazzare quando possibile l’uso degli animali con metodologie che producano gli stessi risultati;
• ridurre per quanto più possibile il numero degli animali utilizzati;
• rifinire, ovvero ridurre il più possibile, il disagio imposto all’animale su cui si sta sperimentando.

Sosteniamo inoltre i ricercatori contro gli attacchi montanti basati su credenze indimostrate, che spesso fanno leva sul populismo, a volte pure sullo sfruttamento di situazioni di grande sofferenza. A maggior ragione siamo al loro fianco quando ricevono minacce e aggressioni a opera di esaltati che finiscono per porre sotto una cattiva luce ogni animalista – che nella stragrande maggioranza dei casi è una persona sensibile, animata dal rispetto per il benessere di ogni essere senziente.
L’associazione ripudia ogni fanatismo, da qualunque parte provenga. Auspica inoltre che ogni confronto si basi esclusivamente sulle rispettive argomentazioni e che sia pertanto sempre civile, razionale e corretto. Ci impegniamo ad affrontarlo in questi termini, evitando per primi argomenti ad hominem e toni incivili e aggressivi, a cominciare dall’approccio nei confronti delle stesse convinzioni religiose. L’Uaar non è antireligiosa: ritiene dunque una fallacia logica l’argomentazione che si dovrebbe essere contrari alla sperimentazione animale perché figlia della concezione antropocentrica delle religioni monoteiste (così come lo è l’essere automaticamente a favore di religioni che hanno come precetto il rispetto assoluto – in pratica impossibile – per qualsiasi forma di vita animale). L’argomentazione costituisce peraltro anche un errore storico: Homo sapiens è stato antropocentrico anche prima dell’invenzione delle religioni, come prova l’estinzione della megafauna al suo arrivo in America e in Australia. Anche le altre specie non praticano, in genere, molto rispetto verso altri animali: semmai, va riconosciuto alla nostra specie una maggior capacità, anche attraverso il buon uso della ragione, di avere atteggiamenti empatici e compassionevoli nei confronti di altre specie. Tale evoluzione è a nostro avviso un segno di civiltà.
Nella società occidentale contemporanea i grandi dibattiti etici, come pure quegli scientifici, si svolgono ormai soprattutto tra pensatori non credenti. In un’associazione come l’Uaar, che intende rappresentare i cittadini atei e agnostici, trovano dunque piena cittadinanza anche posizioni etiche antitetiche quali quelle scientiste e antispeciste. L’associazione le rispetta entrambe in quanto libera espressione di opinioni. Il dibattito civile è sempre ben accetto e trova accoglienza nei suoi spazi, che sono a disposizione affinché ognuno possa formarsi un’opinione più consapevole. Temi come quello della sperimentazione non sono tuttavia ritenuti “centrali” per l’associazione: si invitano pertanto tutti i soci e i simpatizzanti a tenere sempre a mente le finalità dell’Uaar, quando agiscono negli ambiti propri dell’associazione. C’è tanto da fare, ed è utile concentrare le energie e risorse disponibili per i non facili obiettivi che sono stati democraticamente individuati insieme.

Il Comitato di coordinamento Uaar

1.124 persone hanno letto questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.