Vivisezione: 32 Beagle in pericolo

Riceviamo e pubblichiamo, per maggiori informazioni fare riferimento ai siti web delle associazioni/gruppi del comunicato.

Comunicato da FRECCIA 45 – COORDINAMENTO FERMARE GREEN HILL – COMITATO MONTICHIARI CONTRO GREEN HILL

18 marzo 2013 – Il 6 marzo abbiamo diffuso sui media e sui nostri canali la notizia dell’arrivo di 8 cani beagle presso gli stabilimenti MENARINI / RTC di Pomezia, provenienti dal Belgio. Mentre le associazioni ed i moltissimi volontari giunti da tutta Italia presidiavano il Gruppo MENARINI di Pomezia, un’altra Società Farmaceutica importava in Italia beagle diretti alla sperimentazione.

Le due Società hanno un denominatore comune fondamentale: sono ex clienti di GREEN HILL!

I volontari alle dogane estere di FRECCIA 45, nel verificare i documenti di importazione degli 8 beagle provenienti dal Belgio emessi al loro ingresso nella Comunità Europea il giorno 5 marzo 2013, hanno scoperto questa notte che i cani giunti al centro di stoccaggio Belga e provenienti dagli Stati Uniti, erano molti di più . TUTTI DIRETTI IN ITALIA. 

Oltre agli 8 cani recapitati al GRUPPO MENARINI, altri 32 cani partivano dal Belgio via terra per essere consegnati alla loro morte in un ulteriore laboratorio italiano.

I 32 beagle sono giunti all’interno della multinazionale di origine britannica GLAXOSMITHKLINE S.p.A. in Via Alessandro Fleming a Verona, il cui Centro Ricerche è ora di proprietà della Società americana APTUIT.
Il gruppo GLAXO è autorizzato dal MINISTERO DELLA SALUTE a compiere esperimenti su molti animali tra cui: ratti, topi, ma anche cani, gatti e scimmie del nuovo mondo.
I cani verrebbero testati per farmaci sulla pressione, per l’emicrania, antitrombosi e psichiatrici.

Sui beagle, il laboratorio di Verona cerca di riprodurre le malattie inducendole artificialmente. Per imitare la malattia del cuore i ricercatori stringono con un filo le arterie coronariche (fonte:
http://dmd.aspetjournals.org/content/39/2/283.full). Sarà questa la fine che faranno i 32 cuccioli?

Il Gruppo GLAXO è stato autorizzato, sempre dal Ministero della Salute, a
compiere esperimenti senza anestesia (deroga art 9, Decreto Legislativo
27.01.92, n. 116).

In Italia i cani utilizzati nella sperimentazione sono circa 600 ogni anno, a cui debbono aggiungersi più di 500 scimmie (Fonte: Ministero della Salute,
http://www.izs.it/bollettino_segn_legislative/bollettini_2011/marzo_11/3_sperimentazione%20animale.pdf).

L’Associazione FRECCIA 45, il COORDINAMENTO FERMARE GREEN HILL ed il COMITATO MONTICHIARI CONTRO GREEN HILL divulgheranno ai media, alla stampa e con ogni mezzo di informazione ogni notizia relativa agli ingressi di animali da sperimentazione in Italia, avendo pieno appoggio dai volontari dislocati alle dogane estere. E’ solo abbattendo il muro del silenzio che possiamo concretamente porre fine a questa vergogna mondiale.

E’ unicamente con la divulgazione più ampia possibile delle notizie, anche grazie alla stampa, e con la mobilitazione e l’appoggio di molti attivisti e volontari che si riescono talvolta a bloccare i viaggi della morte e che si potrà ottenere un reale cambiamento.

NON POSSIAMO RIMANERE ZITTI DI FRONTE A QUESTA VERGOGNA!

FRECCIA 45 – a href=”http://www.freccia45.org/” target=”_blank”>www.freccia45.org
COORDINAMENTO FERMARE GREEN HILL – www.fermaregreenhill.net
COMITATO MONTICHIARI CONTRO GREEN HILL – montichiaricontrogreenhill.blogspot.it

1.205 persone hanno letto questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.