Sono degno… di morire

sonodegno

E’ di questi giorni la notizia del lancio della prima campagna nazionale della sezione italiana di CIWF (Compassion in World Farming) dal titolo “sono degno”.
La campagna informativa si prefigge di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle condizioni terribili in cui gli Animali vivono negli allevamenti prima di giungere ai macelli.
La campagna è incentrata sui Maiali e su ciò che questi Animali sensibili e intelligenti devono subire quotidianamente nei lager dove sono relegati.
Se la campagna si limitasse a questo, sarebbe condivisibile e da supportare, ma CIWF si prefigge ben altro.
Visitando il sito web ufficiale di CIWF Italia nella sezione “Chi siamo” si può infatti leggere:

La maggiore organizzazione internazionale per il benessere degli animali da allevamento
Compassion in World Farming (CIWF) é stata fondata nel 1967 da Peter Roberts, un allevatore inglese di mucche da latte, che scelse di opporsi alla crescente intensificazione dei metodi di allevamento e all’impatto negativo che ne conseguiva sul benessere degli animali.
Grazie alla sua esperienza, al suo approccio equilibrato, scientifico e professionale, Compassion é riconosciuta oggi come la maggiore organizzazione non governativa internazionale per il benessere degli animali da allevamento.
La mission di Compassion é quella di promuovere pratiche di allevamento rispettose del benessere degli animali e proporre alternative percorribili e durature all’allevamento intensivo. Il nostro approccio é pluridisciplinare e mette in evidenza i legami esistenti tra benessere animale, salute pubblica, sicurezza alimentare e problematiche ambientali.”

CIWF lavora per un “allevamento rispettoso degli animali, delle persone e dell’ambiente”, l’associazione si guarda bene dal fare il minimo accenno all’eliminazione di prodotti animali dalla dieta degli Umani, ma si spinge solo a promuove un consumo più moderato di prodotti di origine animale e solo derivanti da allevamenti “più rispettosi del benessere animale”.
La campagna “sono degno” propone al pubblico di firmare una petizione da inviare al Ministro dell’Agricoltura e al Ministro della Salute italiani perché provvedano a far rispettare nel nostro Paese la Direttiva Europea 2008/120/CE che prevede alcune “norme minime per la protezione dei suini”, come recita il testo della direttiva consultabile al seguente indirizzo: http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2009:047:0005:0013:IT:PDF

Questi i fatti, ma continuiamo l’analisi dei contenuti del sito web dedicato da CIWF Italia alla campagna. Vorremmo far notare a chi legge che il sito web www.sonodegnio.it riporta delle affermazioni sorprendenti nella sezione “Sai che…”. In essa infatti si scrive:

Un maiale – cucciolo o adulto – non è diverso, dal punto di vista dell’intelligenza e della capacità di sentire, da un cane o da un gatto. La differenza è solo nello sguardo di chi lo osserva.
Al pari degli animali da compagnia, anche quelli da allevamento sono creature intelligenti e individui unici. Eppure, persino in aree del mondo come la nostra che vantano una cultura cosiddetta evoluta, è tollerato che milioni di animali siano trattati in una maniera in cui non ci sogneremmo mai di trattare i nostri cani o i nostri gatti. I maiali sono esseri curiosi, che formano gruppi sociali complessi e usano la loro intelligenza per esplorare e trovare cibo.
Vedasi: http://sonodegno.it/cane-gatto-e-maiale

E anche:

La scrofa è una madre amorevole. In natura, prima di partorire, cerca materiali come foglie o rami per costruire un nido sicuro per i suoi piccoli. Il suo istinto materno è così forte che lo prepara anche quando dispone già di lettiera di paglia. Una volta terminato, si copre dello stesso materiale di cui è costituito il giaciglio e giace ferma in attesa di partorire. Possiamo solo immaginare il grado di frustrazione delle scrofe nelle gabbie di gestazione, dove per la ristrettezza dello spazio riescono appena a giacere su un fianco.
Una volta partorito, la scrofa è molto attenta a non schiacciare i piccoli, ben consapevole della sua mole. Prima di sdraiarsi esplora con il muso tutto lo spazio circostante, per assicurarsi che non vi sia nessuno dei suoi piccoli. Se per caso un cucciolo rimane sotto di lei, al primo richiamo la scrofa si rialza immediatamente, e controlla che non gli sia successo nulla.
Vedasi: http://sonodegno.it/amore-materno

E infine:

I maiali esprimono la loro intelligenza con vari comportamenti. Per esempio:
– sono capaci di ingannare i propri simili affinché non scoprano dov’è riposto il cibo di cui conoscono la collocazione;
– sono capaci di capire quale altro maiale sa dove il cibo è nascosto;
– sono capaci di capire che cosa è uno specchio e di utilizzarlo nella ricerca di cibo;
– sono capaci di riconoscere fino a 20-30 dei loro simili e di distinguere diverse persone, anche se abbigliate nello stesso modo.
I maiali sono anche capaci di una vita di gruppo, comunicando tra loro tramite grugniti, salutandosi facendo naso contro naso ed essendo capaci di provare emozioni: positive, quando esplorano, giocano e interagiscono con i propri simili; negative, quando sono impauriti o in condizioni di stress. La vita negli allevamenti intensivi, tra dolore, noia e frustrazione, priva questi animali di ogni emozione positiva.
Nell’immaginario collettivo, i maiali sono dipinti per lo più come animali sporchi, ma contrariamente a quanto si pensa in natura le cose non stanno così. Solo quando fa caldo amano rotolarsi nel fango, e lo fanno per mantenersi freschi, non certo per il gusto di sporcarsi! Negli allevamenti intensivi invece, i maiali sono costretti a vivere tra i loro stessi escrementi, in una condizione che eviterebbero in tutti i modi, se solo potessero scegliere.
Vedasi: http://sonodegno.it/intelligenti-socievoli-e-puliti

Ciliegina sulla torta, il sito riporta l’elenco delle “cinque libertà” scaturite dal Brambell Report, un rapporto commissionato dal Governo inglese negli anni ’70 in seguito allo scandalo sollevato dal libro di Ruth Harrison sulle condizioni degli Animali negli allevamenti inglesi dal titolo “Animali macchine” nel 1964.
Le alternative suggerite dalla campagna “sono degno” risultano in linea con quanto affermato da CIWF nel sito web ufficiale, pertanto nessun accenno al fatto che i Maiali non si dovrebbero allevare, uccidere e mangiare perché intelligenti come Cani o Gatti, sensibili, amorevoli e puliti, o semplicemente perché Animali, ma una serie di informazioni su come allevarli mediante sistemi “più rispettosi”.

Le nostre considerazioni finali sono le seguenti.
La campagna “sono degno” dimostra che il nuovo e pericoloso volto della zootecnia moderna è improntato a alleggerire le coscienze dei consumatori di carne, rendendo il più possibile “accettabili” le condizioni di vita degli Animali nei lager che CIWF si ostina a chiamare allevamenti. Elencare le caratteristiche salienti dei Maiali, affermare che sono intelligenti come Cani o Gatti, che la scrofa è una madre premurosa e amorevole, che sono Animali puliti e socievoli, per poi suggerirne l’allevamento e l’uccisione, è aberrante nonché denota una preoccupante mancanza di nessi associativi che dovrebbero spingere le persone a pensare che proprio perché i Maiali sono intelligenti, sensibili, puliti, amorevole, sono degni di un allevamento e una morte migliori, per poi finire nei nostri piatti. LO specismo palesato nelle affermazioni di cui sopra è allucinante: i Maiali intelligenti come Cani e Gatti appartengono alla categoria degli “animali da allevamento” e in quanto tali possono solo giungere davanti al macellaio avendo trascorso la loro povera vita nel migliore dei modi che noi Umani siamo disponibili a concedere, gli altri – gli “animali da compagnia” – intelligenti tanto quanto i primi, continueranno invece a stare al nostro fianco per allietarci le giornate.
Da questa “compartimentazione” dei viventi non c’è per CIWF alternativa: esiste solo la ferma volontà di distorcere la realtà a beneficio del comparto dell’allevamento.
In definitiva la campagna “sono degno” sottende all’idea che i Maiali sono esseri intelligenti e in quanto tali degni di una esistenza migliore di quella che hanno ora per poi poter finire nei nostri piatti, una sorta di miglioramento delle condizioni di vita del condannato a morte, nei confronti del quale non c’è alcuna intenzione di intervenire per ottenerne la liberazione, ma solo delle attenuanti generiche per via della sua indiscutibile sensibilità e intelligenza.
Non abbiamo bisogno di campagne vergognose, mistificatorie e fuorvianti come questa, né di associazioni che si spacciano per compassionevoli per poi proporre una versione edulcorata della schiavitù animale che rappresenta un danno enorme alla lotta per la liberazione animale, per l’antispecismo ma anche per l’animalismo dato che paiono campagne animaliste, ma in realtà non lo sono affatto.
Come Campagne per gli animali prendiamo nettamente le distanze e ci dissociamo da campagne del genere e invitiamo tutte/i a boicottarle: gli Animali devono essere liberi, e non schiavizzati con metodi ritenuti dagli schiavisti più accettabili.

Campagne per gli animali

2.189 persone hanno letto questo articolo

3 pensieri su “Sono degno… di morire

  1. Io rispetto la vostra scelta, ma non riesco proprio a condividerla.. Ho letto quanto contenuto nel vostro sito sui principi fondamentali dell’antispecismo e trovo, per esempio, che il concetto di uguaglianza a cui si fa riferimento sia quantomeno opinabile! Per esempio (esempio un po’ estremo), nel caso ipotetico in cui si concretizzasse la possibilità di effettuare xenotrapianti tra suini ed umani, immagino riterreste inaccettabile sacrificare un suino in salute per salvare un umano malato.. non è per far polemica, solo curiosità. Forse non è la sezione ideale in cui postare il mio commento ma, non avendo trovato un forum, usufruirò di questo spazio.

  2. Ciao Marco,
    Grazie per il tuo commento.
    Passiamo subito al tuo esempio conreto: gli xenotrapianti.
    Per l’antispecismo è inaccettabile allevare e uccidere un Animale – che ha subito anche importanti modifiche genetiche – per un trapianto su un Umano.
    Si vuole salvare la vita a un malato umano? Il problema non si pone: tutti i giorni muoiono milioni di Umani il cui corpo viene nella stragrande maggioranza dei casi tumulato o distrutto in varie modalità (per esempio la cremazione). Un gesto dettato dal buon senso, dall’altruismo e dal civismo potrebbe essere quello di donare gli organi per salvare la vita di chi è gravemente malato. Quante persone compiono questo gesto? Evidentemente ben poche visto che si vuole ricorrere a organi di Animali di altre specie. Pertanto non si capisce perché si debba torturare e uccidere un Animale innocente per sopperire all’egoismo ingiustificabile degli appartenenti alla nostra specie.

  3. rispondo a Marco in modo molto tranquillo:non sono sorpresa per la tua osservazionein quanto la maggior parte di noi viene indottrinata a pensare che la vita dell’uomo valga più di ogni altra…ma io ti domando perchè?Ci siamo autoproclamati signori del pianeta quando la nostra storia è impregnata di atrocità contro le altre specie e la nostra stessa,non rispettiamo la vita,siamo avidi,egocentrici,falsi,ipocriti,menefreghisti,contradditori…portiamo a spasso il cane e portiamo pellicce,doniamo un euro alla Fao e per tutta la vita mangiamo carne ed incrementiamo le multinazionale che sono responsabili della fame nel mondo,finanziamo la falsa ricerca nascondendoci nei fenomeni mediatici perchè per le farmaceutiche è meglio curare che prevenire…abbiamo fatto estinguere migliaia di specie per vanità,per guadagno,per status symbol…stiamo distruggendo il pianeta che ci permette di vivere e non gliene frega un piffero a nessuno perchè quello che conta è avere lo smartfone ultimo modello…guarda,potrei continuare all’infinito perchè purtroppo combatto con questo ogni santo giorno,ma non volgio tediarti.Ora ti chiedo,questa è intelligenza?Questo è essere superiori?Analizza ogni persona e vedrai che ti sto dicendo la verità,a partire dagli omogeneizzati e dalle pappe(agli antibiotici!)IO personalmente ti dico che non esito a preferire un animale ad un “essere umano”.Ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.